Bimbi Mamme e Papà

Una corretta alimentazione fa bene a tutta la famiglia

L'alimentazione durante l'adolescenza

L'adolescenza è il periodo in cui vi è il maggior aumento, in proporzione, della massa corporea. È anche una fase molto delicata dal punto di vista psicologico ed emotivo, in cui l'alimentazione riveste un significato particolare, non solo per le ragazze.

L'alimentazione dell'adolescente segue gli stessi principi generali di quella del bambino e si avvicina, man mano che il corpo cresce, al fabbisogno dell'adulto.

Lo scopo di una sana alimentazione nell'adolescenza è essenzialmente quello di prevenire le malattie dell'adulto, incentivando le corrette abitudini. Anche in questa fase non imposto un regime dietetico proprio per evitare l’instaurarsi di disturbi alimentari, ma lavora molto in prevenzione con un percorso di educazione alimentare. Anche i genitori di figli adolescenti non dovrebbero seguire schemi dietetici rigidi per non condizionarli.

Raccomandazioni basilari:

  • i figli adolescenti hanno molto appetito, preparare quindi porzioni abbondanti ma selezionando cibi il più possibile genuini
  • lasciare spazio alle occasioni sociali dove ci sarà libero accesso a cibi e bevande di qualsiasi genere
  • incentivare lo svolgimento della pratica sportiva anche con l’incremento delle attività didattiche. Lo sport permette di ridurre la stanchezza mentale, migliore il tono dell’umore e
    mantiene il corpo sano


cta mela

Detrazioni Fiscali

Essendo il dietista inquadrato dalla legge (D.M. 14.09.1994, n. 744) sotto il profilo di “professionista sanitario dell’area tecnica-assistenziale”, la visita è detraibile ai fini fiscali.

Per fruire della detrazione in oggetto, saranno necessarie la fattura del dietista e la prescrizione del medico (circolare 17/E del 2006). Come altre spese sanitarie sostenute nell’anno di imposta da parte del contribuente, per suo conto o per quello di un coniuge o di un suo familiare a carico, devono essere indicate dal contribuente che presenta il modello 730 nei righi compresi tra E1 ed E5. La detrazione Irpef è pari al 19% della spesa, una volta superata la franchigia di €. 129,11.

La Legge di Bilancio 2020 ai commi 679 e 680 ha previso che, per beneficiare dei rimborsi Irpef del 19%, sarà obbligatorio sostenere le relative spese mediante mezzi di pagamento traccabili. Tutte le spese che danno diritto allo sconto fiscale del 19% in dichiarazione dei redditi, a decorrere dal 2020, non potranno più essere effettuate con l'utilizzo del contante, pena la perdita della detrazione stessa.
 

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy. Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.